Read pdf La geometria del vento By Raffaele Malavasi – Bilb-weil.de

Alla ricerca del segreto della velocitEsiste il segreto del successo del velocista, la parte del corpo dellatleta che permette di ottenere prestazioni vincenti Questo interrogativo segna sorti e vicende della famiglia Carrara da oltre un secolo Carl, laureando in biologia, suo nonno Giulio, gi partigiano, e il loro avo dellOttocento, il famigerato studioso di antropologia criminale Cesare LombrosoDurante gli studi per la sua tesi, Carl si imbatte nelle tracce di un testo che potrebbe fornire a quella domanda una clamorosa risposta ma esso sembra essere stato occultato per cause non chiare Si getta quindi alla ricerca del manoscritto, trovandosi presto a dover fronteggiare lingombrante passato della sua famiglia e a dover sfuggire a chi, risvegliandosi da un lungo letargo, vuole a tutti i costi mettere le mani su quellantica scopertaBasato su una reale teoria scientifica, La Geometria del Vento proietta la normalit di uno studente universitario ad affrontare lo spettro dei poteri forti, del razzismo e del dopingRecensione tratta dal sito Selected Selfpublishing Un giallo originale e insolito, che lega una trama impegnata e dai risvolti profondi in un contesto di assoluta normalit, in quella che per tutti potrebbe tranquillamente essere la realt di tutti i giorni Labilit dellautore nel miscelare gli elementi necessari a costruire questa storia evidente nella delicatezza con cui introduce presente e passato, gestendoli per in modo chiaro e coerente, riuscendo a guidare il lettore come un invisibile Virgilio Lo stile, allapparenza semplice e scorrevole, supporta in realt una trama impegnativa, molto originale e ricca di colpi di scenaDegna di plauso labilit narrativa dellautore, il quale padroneggia perfettamente la capacit di calarsi in personaggi ben diversi tra loro e renderli vivi, dando quasi limpressione di trovarsi davanti a una pellicola invece che a un testo


5 thoughts on “La geometria del vento

  1. Cliente z55z.co Cliente z55z.co says:

    Scritto molto bene, una trama molto particolare e per nulla scontata La narrazione della ricerca dei vecchi documenti perduti e o occultati non ha preso la piega dei soliti indiana jones ma si inserisce in maniera non eccessiva nel complesso generale del racconto Molto bello, da leggere Scorrevolissimo e intrigante in tutte le sue parti, complimenti.


  2. giovanna pediconi giovanna pediconi says:

    Comprato dopo aver letto il suo secondo libro, l unica attenuante che riesco a dare all autore che questa sia l opera prima di uno scrittore alle prime armi La ricerca del vecchio manoscritto sembra tanto richiamare Dan Brown e tutto il filone da lui inaugurato, peccato che l ambientazione non regga il confronto, cos come non lo reggono i suoi amici che onestamente ricordano tre imbecillotti da bar Sport, n la lady di turno ce ne deve sempre essere una, anche se non funzionale alla storia sinceramente inattendibile Se non avessi per caso letto la sua opera seconda prima della prima, avrei accantonato Malavasi e sarei passata oltre Peccato, perch il secondo tutt altra cosa.


  3. giuseppe frigiola giuseppe frigiola says:

    Uno studente universitario di Parma che sta cercando di portare a termine la tesi di laurea come presupposto non riesco ad immaginare niente di pi normale e privo di emozioni almeno lo fu a mia.Eppure questa realt solitamente noiosa, che molti hanno vissuto, si trasforma in un inattesa avventura dai risvolti sorprendenti ed inattesi un po alla Bilbo Baggins,il protagonista Carl ha l opportunit di compiere una scelta che cambier la sua vita come Robert Langdon dovr risolvere gli enigmi che gli permetteranno di procedere nella sua ricerca e un po solo un po come Dirk Pitt dovr affrontare nemici sconosciuti e pericolosi Suffragato da una ricostruzione storica solida e molto credibile mi ricorda il miglior Faletti il racconto si dipana secondo una trama che salta in pi epoche fino a convergere nel finale a sorpresa ed in qualche modo inevitabile, di asimoviana memoria La geometria del vento decisamente una bella sorpresa di cui si apprezzeranno soprattutto le differenze con quei riferimenti decisamente altisonanti che ho citato e che avranno fatto sorridere Non ci sono playboy miliardari che viaggiano in Ferrari o aereo privato e che padroneggiano almeno sei arti marziali differenti Niente geni di fama internazionale con capacit visionarie di decriptazione Niente party all ambasciata con super top model e ovvie conseguenze , niente atomiche sul Vaticano o eserciti con svastica nascosti nell antartide.Niente di tutto ci.Al contrario dei best seller di fama mondiale, questo romanzo ti cattura proprio per la sua normalit , per possibilit di immedesimarsi per qualsiasi lettore, che invece di sognare di emulare eroi insistenti calati in situazioni impossibili, si ritrova a leggere qualcosa di plausibile almeno da affrontare, seppur straordinario.Una tesi di laurea da portare a termine e il rito della partita con gli amici, la necessit di cambiare casa e rifarsi una vita, la quotidianit della vecchiaia e i rimorsi per scelte rimpiante, sono momenti della vita dei personaggi del libro, che li descrivono in modo sottile e ricco, che potrebbero essere la descrizione di chiunque uno studente, una madre, un nonno.Persone normali, comuni, che per caso, si trovano coinvolte in un fiume di avvenimenti che nasce pi di un secolo prima, e che a turno provano ad affrontare, fino alla conclusione ai giorni nostri Forse.


  4. Alberta Bedocchi Alberta Bedocchi says:

    Bello questo romanzo di Raffaele Malvasi, formalmente un giallo, ma in realt articolato come una narrazione assai pi complessa Parte da uno spunto molto originale un giovane studente universitario, Carl, amante dell atletica e lontano discendente di Cesare Lombroso, si trova quasi per caso a seguire le tracce di un manoscritto perduto dell illustre avo, che potrebbe cambiare il corso della pratica sportiva del mondo moderno Trovata notizia di questo testo nel corso degli studi per la sua tesi di laurea, Carl inizia una ricerca che si rivela via via sempre pi pericolosa, coinvolgendo un ventaglio di personaggi diversi giovani amici, anziani famigliari e misteriose figure che trascinano il lettore nell avvincente esercizio di dipanare una vicenda complessa, fra passato e presente, sullo sfondo di luoghi diversi Parma, Torino, centri sportivi e luoghi di studio, interni ed esterni sono gli ambienti in cui i personaggi interagiscono con dialoghi serrati Ma in controluce si delineano temi morali assai pi profondi, la denuncia di problemi che tragicamente segnano la nostra societ razzismo, doping, poteri occulti Lo stile alterna momenti un po impacciati a fasi pi sciolte un aspetto forse da migliorare, ma in complesso la storia avvincente e l originalit dello spunto davvero un elemento che distingue in positivo questo bel libro nel panorama della nuova narrativa L autore da incoraggiare, il libro decisamente da consigliare.


  5. Nicola Nicola says:

    In un momento di crisi dell editoria, con sempre meno lettori di libri, stupisce che tanti giovani autori sentano il desiderio di manifestare la propria vena artistica proprio nella scrittura di un libro E non deve meravigliare che tra essi si possano cogliere opere realmente interessanti come questa La geometria del vento Lo spunto curioso un giovane studente universitario, Carl, scopertosi discendente dell antropologo Cesare Lombroso, decide di impostare la propria tesi di laurea verificando sperimentalmente se esiste una connessione tra le teorie dell antenato e le caratteristiche fisiche degli atleti che praticano le corse veloci Ma pi si addentra nella sua ricerca, pi si verificano intorno a lui fatti strani viene investito da un auto con il solo scopo di analizzare le informazioni contenute nel suo telefono, viene costantemente spiato da due personaggi misteriosi, il nonno ex partigiano fugge dalla casa di riposo e lo contatta attraverso enigmatici messaggi Via via l autore sviluppa una storia divertente, ben documentata, ricca di suspense, alla ricerca di uno scritto di Lombroso che confuterebbe le teorie iniziali, tra inseguimenti e agenti che tornano dal passato, tenendo avvinto il lettore fino al colpo di scena finale Assolutamente da consigliare.