[ Download books ] Ti voglio bene lo stessoAuthor Silvia Pillin – Bilb-weil.de

Dicono i lettori Intenso, straziante, spietato e dolce Sara Un romanzo davvero ben scritto Antonella Sacco Davvero intenso Stefania Crepaldi Non pu che sorprendere ed emozionare AmaranthSinossiTradiresti la persona amataAzzurra certa di no Lei e Tristano stanno insieme da sempre, al punto che non riesce a ricordare di aver vissuto un tempo senza di lui Tristano per Azzurra tutto confidente, compagno, amico, amanteEppure, quando Azzurra e Tristano si trasferiscono a Vienna per lavoro, la vita rimescola le carte e cambia tuttoNello spaesamento di una citt in cui straniera e in cui tutti parlano una lingua ostile, Azzurra incontra Tommaso, un uomo che la porta a mettere in discussione la sua unica certezza TristanoSopravviver il loro a Estratto Pensavo che mi piaceva quel sentimento, cos simmetrico, che non volevo chiamare a, perch io non ti stavo amando La era unaltra cosa, la era con la persona lontana che sarebbe tornata dopo due giorni, era essere nati nello stesso posto, aver dondolato sulle stesse altalene, aver camminato per anni lungo le stesse strade, aver frequentato lo stesso oratorio, aver comprato insieme la prima scatola di preservativi, aver tremato insieme sopra un paio di test di gravidanza, avere gli spazzolini nello stesso bicchiere, da anniCon te era qualunque cosa sia quello che ci sta succedendo Silvia Pillin ha lavorato peranni in editoria come segretaria editoriale, editor, correttrice di bozze per editori come Mondadori, Fanucci, Salani Ora si occupa di marketing onlineDella stessa autrice I ROMANZI Non un romanzo erotico Aria e altri coccodrilli Maschiaccio e femminuccia EL in uscita a luglioI MANUALI Sono uno scrittore ma nessuno mi crede Zandeg Editore Roba da self publishing Zandeg Editore Annunci Facebook per scrittori Un romanzo scritto indubbiamente bene, con una struttura particolare di passato presente, prima persona terza personaPer esattamente il genere di romanzo che non incontra i miei gusti Se dovessi scegliere un solo aggettivo per descriverlo sarebbe malinconico Ecco, nei romanzi non cerco la vita vera e triste e a volte, ammettiamolo, squallida che rappresenta la realt Leggo per sentirmi bene, per evadere dalla quotidianit fatta di lavoro, panni da lavare, matrimoni infelici, tradimenti Non mi va di ritrovarli anche lei libri che leggo Questo fa di me una persona superficiale Pu essere, ma sono felice cos Se invece cercate queste cose nei romanzi, allora leggetelo, perch l autrice scrive molto bene. Un romanzo davvero ben scritto, con un linguaggio fluido e corretto, mai banale La scrittura la cosa che mi piaciuta di pi , l ho trovata davvero buona, a tratti lirica e sempre precisa, capace di rendere al meglio gli stati d animo dei protagonisti.Molto interessante e originale la scelta di narrare secondo due punti di vista uno in prima persona per le vicende del momento presente, uno in terza ma con i verbi al tempo presente, per raccontare il nascere e l evolversi della relazione fra Azzurra e Tristano Le due narrazioni si alternano in modo equilibrato Consigliato. Si potrebbe dire che una storia d a e certamente lo ci sono anche due ragazzi per una sola ragazza ma io credo che sia una storia sull a per se stessi Ci che mi ha pi colpita, nel libro di Silvia Pillin, che non si tratta del tradizionale romanzo d a, ma di un viaggio attraverso le paure, le insicurezze e i dubbi che portano alla costruzione o perlomeno al riconoscimento e all accettazione del s Un corollario di questo percorso profondo, malinconico e imperfetto, come sono imperfetti sempre i sentimenti e le vite umane, che non si pu pensare a una relazione con gli altri se non ci si relaziona prima con se stessi.Nessuno dei personaggi stereotipato o prevedibile, sono tutti esseri umani capaci di sbagliare, di capire dove hanno sbagliato, e poi magari di sbagliare di nuovo, lo stesso Perch la redenzione assoluta esiste solo nelle storie di fantasia e questa lo e non lo Questo un percorso onesto e condivisibile, in cui ogni lettore pu trovare spunti di riconoscimento o riflessione ed anche un discorso metaletterario, sui libri come modo per vivere e sulla vita come modo per scrivere Prima vivi, poi scrivi, il messaggio ripetuto, ma si potrebbe alla fine capovolgere quando hai scritto, forse sai come vivere.Lo stile superbo, evocativo ed essenziale allo stesso tempo, privo di sbavature e intimo pur essendo adattabile a chiunque.Per me questo libro un gioiello che consiglio davvero a tutti. Scritto molto bene, convolgente, sembra leggero ma allo stesso tempo fa pensare.Seguo da un po questa scrittrice e non ne sono rimasto mai delusoConsigliatissimo Ti voglio bene lo stesso di Silvia Pillin , con la sua prosa pulita e la sua particolare struttura narrativa, una boccata d aria fresca.Azzurra una giovane donna che ha nascosto se stessa sotto strati di dolore, vuoto e spigoli acuminati Ma a poco a poco, spinta da un sentimento nuovo e inaspettato, proprio in una citt che le sembrava estranea, Azzurra torna a respirare.La penna nelle mani di Pillin diventa un coltello, ma la sua sensibilit non pu che sorprendere ed emozionare.